(Il) Divenire Distratto

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

 

Distratti, siamo distratti.
Non c’è un cazzo da fare.

Il sole è alto, è una bella giornata e le nuvole, di quella consistenza simile alla panna, occupano il cielo per il tempo che il vento concede loro.
Fa freddo, ma non quel freddo bastardo che ti spacca le ossa, irrita le cicatrici. No, piuttosto è un freddo amico, che ti avvolge e tu accendi una sigaretta, alzi il bavero del cappotto, sbuffi fumo e sorridi.

Poi ti chiedi che cosa ci sia da sorridere, ma per pigrizia eviti di darti una risposta.

Da qualche parte, nel mondo, c’è qualcuno che si sta innamorando per la prima volta e, al contempo, qualcuno che sta scoprendo di non esserlo più.
Succede sempre.
Io credo sia distrazione.
Ci abituiamo così bene ad avere determinate cose che, infine, finiamo per stufarci.
Lo straordinario diviene banale perché siamo noi a renderlo tale e, allora, convinti di non averlo più, riprendiamo la ricerca.
Una ricerca che non avrà mai fine, perché dettata dalle motivazioni sbagliate.
Non abbiamo quello che vogliamo e non troviamo ciò che cerchiamo perché, stronzi come siamo, non siamo in grado di riconoscere il fantastico quando ci capita tra le mani.
Oppure lo riconosciamo, ma finisce sempre che c’è qualcosa di più importante da fare, o qualcosa di non così importante da dire.

La luce del sole rimbalza sulle facciate delle case, punge gli occhi riflettendosi sulle finestre, ti taglia il viso in combutta con l’aria che sa di neve e ti ricorda tutte le cose che non hai ricevuto per natale.

Siamo distratti, eccome se siamo distratti.
Rimarremo stupiti, un giorno, quando ci faranno notare che ciò che abbiamo è andato a schifìo.
Così concentrati su noi stessi, così non curanti di quello cui ci diciamo interessati.
Avremmo dovuto credere a meno fiabe, considerare di più la vita.
Ma è tardi, ormai.
E a me non interessa poi più di tanto.

E’ una bella giornata, fumo una sigaretta, ho una giusta dose di sonno.
Il pefezionismo sentimentale mi ha rovinato la vita.
Col senno di poi, mannaggia, sarebbe stato meglio scegliere di diventare come i miei genitori.
Ma è tardi anche per quello, per fortuna.

Annunci

4 thoughts on “(Il) Divenire Distratto

Add yours

  1. Dici che il perfezionismo sentimentale ti ha rovinato la vita. Io è un po’ che mi faccio domande su questo ed altro. https://ostricheamezzanotte.wordpress.com/2015/12/14/chi-si-accontenta-gode/
    Credo di essere arrivata alla conclusione che le nostre predisposizioni rispetto a certi fatti della vita non ci è dato sceglierle e qualunque forzatura porterebbe risultati peggiori della premessa. Possiamo solo assecondarle per rimanerne delusi il meno possibile.
    Il link è a un blog privato, ma se vuoi bussa che apro la porta.

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: