Lost In Translation – Sono Infinito

tumblr_mmh7k3ysaJ1qdgf0ro1_500.gif

 

Le parole che mi fai venire in mente sono così tante che la maggior parte le ho usate con persone che non erano te. Non è grave, l’ho dovuto fare perché il corpo, dopo un certo limite, non le può più contenere. L’ho dovuto fare perché, come dice Goleman, le emozioni non sono tue finché non le sai spiegare e io ho sempre avuto bisogno che quest’emozione fosse mia, perché non c’è nulla che mi possa appartenere, se non mi appartiene questa cosa.
Per certi versi sono un truffatore che agisce in tuo nome, ma questo non deve farti sentire responsabile di niente. E’ solo l’aspetto assurdo d’un qualcosa di reale, qualcosa che non può che essere così.

Per tanto tempo sono stato perso nelle mie parole, in frasi che andavano ad accarezzare visi che non erano il tuo, in traduzioni fedeli di quello che tu mi facevi percepire e che io non raccontavo a te. Probabilmente, insieme alle emozioni, ho regalato anche la possibilità di essere te, per induzione o per creazione dell’immaginario che sia. Non so dire se questa sia o meno una cosa triste, è certo che è stata inevitabile: è ciò che mi ha reso pazzo abbastanza da permettermi di non impazzire. E’ ciò che mi ha permesso, quando mi sono scoperto pronto, di riconoscere quale fosse la strada di casa. E’ stata la mia forza quando il pavimento ha rischiato di crollarmi sotto i piedi. In fin dei conti è un privilegio, una forza e non una debolezza.

Ora la smetto di parlare e vengo a sedermi vicino a te e ti guardo e non dico nulla, o ci provo, per almeno trenta secondi. Poi ti abbraccio, ti stringo forte, provo quella inspiegabile sensazione di protezione sincera.
Poi, magari, possiamo andare a fare una passeggiata per vedere in quale luogo nascano le albe e domani potrai dormire tutto il giorno e, quando ti sveglierai, troverai già pronto da mangiare perché cucinerò io per te. E potrai preoccuparti solo delle cose che fanno veramente preoccupare: la morte, i piatti, la lavatrice, il freddo e la paura. E potrai scoprire che, ciò che succede di notte, di giorno è ancora più vero e non è necessario che svanisca, perché l’apollineo è solo una continua ripetizione dell’identico, se non è accompagnato al dionisiaco.

Adesso io non ho più bisogno di tradurti a nessuno, perché sono stato caos, mi sono disgregato, ricomposto e ora sono più grande: posso contenere l’infinità delle cose.
Sono infinito.

 

[Sea Wolf “Oh Maria!”]

Annunci

2 thoughts on “Lost In Translation – Sono Infinito

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: