Tra i lacrimogeni: la fila per quello delle donne è più corta


E quindi, nada-surf-, metto repeat su una canzone, mentre dipano i pensieri. Dipano, propano, propa-gano o pro-pagano?

Ci sono immagini che non si riescono a spiegare agli altri, il che sembrebbe una cosa bellissima, ma Goleman dice che se non lo sai spiegare, non ti appartiene. Ne dice tante, Goleman, sempre giustissime. Un altro esempio è nella realtà quotidiana, nessuna intelligenza è più importante di quella interpersonale.

Avete mai pensato al fatto che è un continuo leggersi, dirsi cose senza usare le parole? Alcuni di voi l’avranno sicuramente fatto, alcuni di voi hanno innata questa consapevolezza – ripenso ai lupi -.

Penso alle mani che si stringono, forte, il messaggio nel messaggio. Quello che sai solo tu e non sai perché. È come quando in manifestazione il gas ti impedisce di vedere, l’udito è ottuso dall’adrenalina e tu comunque ti muovi nel modo giusto, perché il tuo corpo sa dove andare. Puro istinto. Non lo sapresti spiegare, ma sai che quella è la direzione giusta. Per questo la salvezza in manifestazione non ti appartiene e per questo non è mai scontata. Per questo hai sempre paura, finché non è l’istinto a salvarti la vita. Per questo è stupido pensare che le persone ci appartengano. Non può esistere possesso nella dimensione della salvezza, chi si possiede non diviene mai immortale. E non è forse l’immortalità ciò che tutti andiamo cercando?

Il possesso fa parte della ragione, che è un costrutto e per questo è finta. L’istinto è reale, perché è immediato, senza blocchi; è un pensiero già affinato senza elaborazione e grazie a ciò è efficace: quando scegli d’istinto ti salvi la vita.

Che poi più ti fidi del tuo corpo e più vedi la strada. Anche di notte. Anche al buio. Anche contro luce. Anchesempre. E sai a quali luoghi ti devi avvicinare e da quali stare lontano. E sai da cosa farti fare male e da cosa no. E nulla ti appartiene ed è per questo che vuoi tutto. E, se mai possa esserci uno stato di piena vita, credo sia questo.

E questa canzone mi piace perché inizia con che palle scrivere. Anche se non è vero.

[Il Fratello “Tra i lacrimogeni”]

Annunci

Una risposta a "Tra i lacrimogeni: la fila per quello delle donne è più corta"

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

Gravidanza, vita da mamma, idee per bambini

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

EN TRADUISANT TRANSLATION

Parlava di traduzione. Poi ha iniziato a straparlare di tutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: