Riverside “lost” – ma anche Biffy Clyro “Bubbles” – luoghi di fiumi e lupi – e lo so telhorubatachiedoperdonodovevoeratroppobella.

Progressivo. Ma cosa è progressivo, nel rock progressivo? Ma nel senso che aumenta, o nel senso che avanza? È quantità o movimento? Movimento e quantità? E perché ti entra così bene sottocarne? Ha un buon odore e l’ho sempre saputo. Buono nel senso di sicuro. Il punk non ha lo stesso odore: sicuramente è più diretto e nudo, ma è un nudo che – come dicevano i Germs – ti costringe a sanguinare. Invece prendi questa canzone, i suoni che si ampliano e ingrandiscono ad ogni capoverso: non c’è nulla che ti costringe a sanguinare; qui ci sanguini se vuoi, se lo metti in conto e se sei poi in grado di cauterizzare l’emorragia.

Authorized wishful thinking area perché in questo ritornello tutto può essere pensato. Del resto lui che canta vuole scendere giù al fiume – River – a cercare il ponte per neverland. Pure io che ascolto, se devo dirla tutta. Pure tu mi sa. E tu. E anche voi due dietro quella colonna. Ognuno di noi lo vorrebbe. Chi non ha capito di cosa si stia parlando, chi dice sì per quieto vivere e questo ponte manco prova a cercarlo, non ha capito molto non del discorso, ma della vita propria e della vita proprio – in senso proprio. 

E io credo d’aver cambiato modo di scrivere: prima andavo alla cieca perché vedevo altro mentre scrivevo, ora vado alla cieca perché è l’olfatto che mi guida. E per assurdo ci vedo meglio. E, sempre per assurdo, ci sento meglio. Probabilmente scrivo peggio, però è normale che, se da una parte guadagni, da un’altra devi perdere. L’ombra sulla serranda parlerebbe di peso a zero, anche se riferiva questo pesazzero – così ha quasi un altro senso – ad altro. Io rubo, riadatto e costruisco, sperando che nessuno si arrabbi per il furto di materiale da costruzione.

In questi giorni c’è odore di neve e sta iniziando a fare freddo. E il freddo coccola. Il freddo fa stare meglio del caldo: per quanto si possa pensare, una sciarpa rasserena di più di un telo da mare. L’inverno è il momento in cui i lupi sono veramente padroni della foresta e riescono a trovarsi con più facilità. E la neve, al chiaro di luna, rende visibile qualunque strada. L’inverno è un amico, se ci si sa vivere in mezzo.

Come il progrock, che è quantitativo e in movimento, che si dilata al punto che credi di non poterlo contenere, finché non ti dilati pure tu, uscendo dalla comfort zone solo per renderla più grande e non per distruggerla. Fino ad arrivare a un giorno, magari, in cui l’intero mondo sarà comfort zone. Pazzia? Utopia? Può darsi, ma l’ho dichiarato all’inizio che questo ritornello è un authorized wishful thinking area. Il luogo del tempo e dello spazio cristallizzati in un lasso di tempo apparentemente senza fine.

Buon ascolto. E mi si perdoni il furto. I furti. I furti futuri. In certi momenti sembra di scrivere a quattro mani.

[Riverside “Lost (Why Should I Be Frightened By A Hat?)”]

Annunci

Una risposta a "Riverside “lost” – ma anche Biffy Clyro “Bubbles” – luoghi di fiumi e lupi – e lo so telhorubatachiedoperdonodovevoeratroppobella."

Add yours

  1. Anni fa aspettavo l’estate e andavo in vacanza in Egitto, adesso aspetto l’inverno e vado in vacanza in Islanda. Chi non cambia mai a un certo punto diventa inevitabilmente ripetitivo, e il nuovo corso si è diverso dal vecchio ma mi piace in modo diverso. Non ho la TV e ascolto la radio, in questo momento sta passando “Werewolves of London”, buffo che sempre ai lupi si torni.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

Gravidanza, vita da mamma, idee per bambini

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

EN TRADUISANT TRANSLATION

Parlava di traduzione. Poi ha iniziato a straparlare di tutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: