By This River – Ballata del tenersi: testo metaletterario

Forse è una pagina da lasciare bianca, ma fare defluire vuol dire poter guardare e come si può guardare ciò che non si può vedere?

Dicessi che è stato semplice, starei mentendo alla Corte – vostro onore, ma solo vostro cazzo – e quindi non lo dirò. Sarebbe troppo facile: le cose facili, che sono diverse da quelle semplici, mi hanno sempre annoiato. E scrivo, sì, e non so dove arriverò. Perché non lo so e non mi interessa. Sono stanco, andrei a letto, devo fare questa cosa. Dopo più di 48 ore è il momento giusto, quello adatto. Domani sarà tardi, perché domani sarai già arrivato – chi? chi? perdonatemi ma cazzi miei. Parlodasolosì -.

Citando PaulaNic – Palahniuk, che vi svelo si pronuncia tipo paulanic ché sono i nomi dei suoi nonni tipo – adesso potete anche smettere di leggere, se non ve la sentite.

Brian Eno_By This River suona in sottofondo e devo dirti – tu sai chi sei – che fluisce proprio come l’acqua: morbida e fintamente viscosa, solida e avvolgente, salda non al punto da potertici appoggiare del tutto. Ma in qualche modo sicura. In qualche modo quello che è sempre stato con te – qui, con te, intendo me e tu che hai condiviso questa canzone sai perché -. 

La serenità al posto della disperazione – la disperazione è sempre percepita più normale della serenità – è una cosa che non avevo mai provato. Non mi aspettavo sarei stato così leggero, o di capire così bene. Me l’avessero detto a mente fredda – diverso da lucida – avrei risposto che non ne sarei stato in grado. E invece. Invece ti ho detto ciao per sempre – e, parafrasando Wendy, sempre è un tempo infinitamente lungo – senza soffrirne. Io so, e tu sai – ora il tu non sei tu, là su quella bella scala, ma tu là che stai andando dove sappiamo io e te – che va bene così. Che quello che era da fare è stato fatto. Che il percorso è completo. O meglio, se tu hai deciso che era completo, io ci credo e mi sta a genio. Sono dalla tua parte. Sono con te e tu sarai sempre con me. 

E potrei scrivere una cosa molto più lirica, articolata e struggente. Ma a che pro? No, una cosa così è molto più nelle mie e tue corde. Andavamo giù fino al fiume e stavamo in silenzio. By This River. Io so, tu sai. Guerrieri della luce: la foto parla da sé e ti sarebbe piaciuta.

Non sarò egoista, non ti trattengo oltre: quando le persone devono andare a letto, o devono andare e basta, bisogna lasciarle andare. È giusto così. È equo. È equilibrio. 

Non mi manchi, sei troppo addosso a me perché tu possa mancarmi. E poi hai scelto tu di andare: rispetto questa decisone.

E sì, il fastidio che leggano degli estranei è palpabile, ma comprendimi: la dicessi solo a me stesso, questa cosa non sarebbe vera. Se la legge qualcun’altro, diventa reale e devo tenerci fede. Che mi dici non ne hai bisogno, ma sai anche te che è una stronzata. Anche perché parlo solo di quello che accade mentre accade, chi sei tu lo so io e cazzo ti tengo stretto. È come ne I racconti di terramare: vai tranquillo che il tuo nome non lo dico.

Ora è quasi l’alba ed è il momento. È quasi domani. Sono pronto.
Arrivederci.
[Brian Eno “By This River”]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

C'è chi si gode la vita,c'è chi la soffre,invece noi la combattiamo.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

Gravidanza, vita da mamma, idee per bambini

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

EN TRADUISANT TRANSLATION

Parlava di traduzione. Poi ha iniziato a straparlare di tutto.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: