La strada e il tuono – Screendoor Slams


Non è tanto questione di alti e bassi, o di pieni e vuoti, o di tutto quello che ci si vuole mettere. Non è tanto questione di parole, o di riempire per forza i silenzi, o di doversi chiedere scusa dopo esplosioni di rabbia, o paura, o ansia, o altre di quelle cose che accadono quando sembra di non avere più il controllo.

Non è questione di fuga, né di dissimulazioni per ignorare le delusioni, né di adolescenziali illusioni e via continuando. Non è questione di tutta quella stupida palta in cui il novanta percento delle persone rimane invischiata, quella grande truffa conosciuta come il salvare, salvarsi. 

Perché la redenzione è un concetto fuorviante, perché quello che è successo, tutto quello che è successo, ormai è passato e non lo si può cambiare. La questione, quindi, non è coprire le cicatrici o lenire il dolore con distrazioni inventate, ma creare qualcosa di nuovo, entrare in una dimensione di fottuta normalità, col proprio bagaglio ingombrante al seguito e senza ignorare tutte le difficoltà, tutte le lacrime, tutte le crisi che ci possono essere. Perché la vita, cazzo, non si svolge in funzione dell’amore, non si mette a posto quando ci si innamora e nessuno si salva mettendo su famiglia o facendo dei bambini.

La questione, quindi, è fare i ravioli seduti ad un tavolo, o accendere un fuoco mentre si aspetta qualcuno e questo non è amore, ma è fare parte di qualcosa, essere presente in un determinato luogo e in un determinato momento. È creare possibili futuri partendo da momenti presenti.

Perché la questione non è vivere il presente in base al futuro, ma vivere affinché il presente diventi futuro.

Tutto il resto è un brusio di fondo. Tutto il resto è fuori questione.

[Musica a scelta, ma se devo scegliere io metto Nadar Solo “Aprile”]

Annunci

4 thoughts on “La strada e il tuono – Screendoor Slams

Add yours

  1. “Perché la vita, cazzo, non si svolge in funzione dell’amore, non si mette a posto quando ci si innamora e nessuno si salva mettendo su famiglia o facendo dei bambini.”

    Mi dai l’ok per stamparla su dei volantini da distribuire all’umanità che mi circonda?

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: