Da Quando Ci Sei Tu – 14 Gennaio ’59, la telefonata, le parole e alla fine suona Sentimental Lady

newman-woodward

 

Lunedì, 14 Gennaio 1959. Un telefono squilla meccanico e una donna risponde.

“Ciao, ho poco tempo. Lascia parlare me. Sono sulla 66, verso Chicago, sulla macchina di Ted e so che potrei dirti tutto una volta arrivato, ma volevo dirtelo ora, almeno hai il tempo per pensarci, ché le sorprese non vengono mai bene. Non c’è molto da aggiungere a quello che già sai, è tutto veloce ed è bravo chi ci capisce qualcosa qui in mezzo. Ti ricordi quello che mi dicesti in quella stanza d’albergo? Suppongo di sì, ma anche fosse non importa, perché me lo ricordo io. Non si può farsi passare davanti tutta una vita, senza mai provare a prendersi qualcosa per sé. Non possiamo diventare come tutti quei criticoni che, seduti sulle loro poltrone, sono ormai solo buoni a dire agli altri cosa dovrebbero o non dovrebbero fare, senza mai viversi nulla fino in fondo, senza mai rischiare nulla della loro ammuffita sicurezza, non trovi? Non credo che io e te siamo nati per fare questo, non ci vedo vecchi e pieni di rughe e rabbia per le occasioni viste e lasciate passare così, come fosse normale. Piuttosto ci vedo vecchi e con qualche ruga e magari pieni di rabbia per le sconfitte subite, ma non per non aver provato a vivere la vita. Non siamo così banali. E non mi importa se io sono un truffatore e un rapinatore di banche e tu una donna rispettabile, se non importa a te. Perché io non avevo intenzione di incontrarti, eppure è successo e ho capito alcune cose, che per uno come me è già molto. Una vita normale, non ci avevo mai nemmeno pensato, non l’avevo mai vista come una possibilità concreta. Mi sono scelto una morte che, come idea, non mi è mai piaciuta troppo e ora, forse, posso permettermi il lusso di rivedere i miei piani. E non so se voglio rinunciare a questa possibilità, sai? Non so proprio se ne ho voglia.
Tutto questo, insomma, per dirti che sto venendo a Chicago a riprendermi la mia camicia, quella che ti ho prestato, e che, però, se tu vuoi mi posso fermare. Posso restare. Perché sono stanco di correre senza mai arrivare da nessuna parte, stanco di arrabattarmi in cose senza senso, stanco un po’ di tutto. E poi, sì, perché voglio restare, ma restare con te.
Ora riparto, ho finito il tempo, ci vediamo tra un po’. Ciao”.

Clic.
Fuori dalla finestra rumori di macchine attutiti dalla neve, macchie nere che scivolano nella luce gialla dei lampioni. Nella stanza, solo Duke Ellington che suona Sentimental Lady dalla radio a riempire il silenzio.

 

[Mezzafemmina “Da Quando Ci Sei Tu”]

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: