I’m Sorry (For Not Finding You Sooner)

zom231_flat_fcfbd983-1ef7-4665-ad93-41b0d8d3ad04.jpg

 

Perché, come ogni volta, uno sa perfettamente cosa vuole scrivere, finché non si trova davanti il foglio bianco e allora no, allora si dimentica tutto, allora diventa difficile.
Perché per gran parte della mia vita ho vissuto di parole e ora, invece, credo siano abbastanza sopravvalutate, ché le cose è di gran lunga più bello farle, piuttosto che dirle per non farle accadere mai.
Perché bisogna ringraziare d’averlo, il lavoro, senza mai lamentarsi, ché si è giovani e quindi è giusto dover essere flessibili, mai a casa, sottopagati o malpagati per le responsabilità che si hanno, i ruoli che si ricoprono.
Perché scopri di avere trent’anni, quando scopri che, se non dormi per una settimana, poi ti viene la febbre a quaranta.
Perché sono stanco dei vecchi che ti costringono alla procrastinazione in nome dei doveri, ché ti dicono che se non ti sacrifichi ora, quando lo fai, e diventa tutto un gigantesco sacrificio in cui quello che vuoi si condensa in due ore vissute con l’ansia che finirà.
Perché il movimento è fermo, ma è fermo perché oggi la rivoluzione la si fa sui social, le strade sono ormai roba per esseri analogici, anacronistici, fuori tempo o fuori tempo massimo.
Perché la memoria va bene un giorno l’anno, accendendo due candele, facendo finta di non vedere i fili spinati, i muri, le barche ribaltate, le persecuzioni e i morti che ci stanno attorno, tutti i giorni, e di cui servirebbe avere consapevolezza, senza memoria, per non doverne avere memoria, ancora una volta, un domani.
Perché la nostra generazione è un esercito di sfigati senza arte né parte, inabili alla vita che fanno finta di poter fare cose che non potranno mai fare, che sono ancora cristallizzati sull’annoso dibattito se fosse meglio Terry&Maggie o E’ Quasi Magia, Johnny.
Perché siamo in ritardo, sempre, perché a un certo punto il mondo ha accelerato bruscamente e noi siamo rimasti indietro, ché andavamo a ritmo anni 90 ed eravamo impreparati a quello degli anni zero e, fondamentalmente, non ci abbiamo più capito niente, anche se eravamo convinti del contrario.
Perché l’ultima che ho detto, forse, è una cazzata.
Perché avrei voluto conoscerti prima, anche se penso che non avrei avuto niente da dirti e tu non avresti avuto niente da dire a me.
Perché c’è un tempo per tutto e forse, per una volta, non siamo in ritardo.
Perché la nostra epoca è questa, non un’altra, e quando ti guardo io lo vedo che siamo vivi.
Ed è una fortuna, forse la più grande.

 

[Japandroids “I’m Sorry (For Not Finding You Sooner”]

Annunci

One thought on “I’m Sorry (For Not Finding You Sooner)

Add yours

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

A Place For My Head

La vita è una commedia per coloro che pensano e una tragedia per coloro che sentono.

Giuda is Carioca

A buon intenditore / poche storie

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: