I Quercia, Che Non Li Conosce Nessuno Ed E’ Un Peccato

IMAG1175

 

Dalle casse suona Sempre Lividi dei Quercia – o di Quercia, non lo so, questi gruppi con nome al singolare mi confondono sempre -.

Quercia è – o sono – uno di quei gruppi semi sconosciuti nel panorama della musica, che però dovrebbero essere molto più conosciuti, diffusi. Perché sono dannatamente bravi e scrivono dannatamente bene e, quando ascoltate i loro testi, se le parole vi sembrano banali è solo perché una miriade di gruppi più scarsi, ma più famosi, tratta già il tema, male, e la cosa crea una sorta di ridondanza, una falla che fa pensare che possano essere cose già sentite. Ed è per questo, presumo io, che rimangono fermi al sottobosco, che non diventano – per così dire – mainstream. Le loro ali sono tarpate da gente a cui dovrebbero ritirare gli strumenti, le penne, la patente e pure il libretto di circolazione.
Voi magari non siete d’accordo, io la penso così. Pace, bene e alkaselzer.

Comunque, passiamo oltre.
Dalle casse suona Sempre Lividi dei – o di – Quercia e io ho capito che, ultimamente, mi riduco a scrivere scrausissime recensioni musicali – io, che di musica non capisco un cazzo bagnato – perché non ho voglia di tradurre ciò che la canzone in questione mi smuove. Più che altro mi sembra stupido, vai a capire perché. Cioè, intendo, mi sembra stupido mettermi a scrivere di un fatto personalissimo, che riguarda solo me, in una piattaforma che viene letta da tutti. Non perché sono geloso della mia sfera privata, piuttosto perché credo non sia affatto utile. Nel senso, ad esempio, mi siedo qui e scrivo i cazzi miei: a cosa serve? Socialmente, intendo, a cosa serve? Dal punto di vista politico, intendo, a cosa serve che io svisceri le mie fisime mentali, i miei patemi, se questi non sono indirizzati  alla creazione di nessun nuovo tipo di narrazione, o di analisi del percepito, o di critica nei confronti dei rapporti e dei fatti sociali?
Per questo preferisco, piuttosto, parlarvi in toni più o meno entusiasti di un qualche cd, o di un qualche musicista o di una qualche canzone. In un certo senso, dal punto di vista della condivisione e di un qualche concetto di comunità, è un’azione che può contribuire alla circolazione di un contenuto, che può risultare stimolante, che può servire a qualcosa o a qualcuno, in un certo qual modo.

Anche perché quello che penso, mentre ascolto determinate canzoni, purtroppo a me non serve a niente dirlo a voi. Non sono cose che si possono lanciare nel vuoto e dire che va bene così. Piuttosto si resta sul riff di chitarra per qualche giorno, si scompone e decompone il testo, lo si riascolta, si ripensa.
Il punto è che a me piacciono le canzoni che contengono le persone, ma non tutte indistintamente.
Solo quelle cui mi piace pensare.

 

Entra nei miei giorni / accomodati pure / scusami il disordine / ma non ho mai ospiti / perdo le abitudini / ma i vizi sono sempre lì / sempre lì / sempre lividi / che mai si abbinano / né alle mie magliette né ai miei jeans / ma solo ai miei occhi neri / sempre lì / sempre lividi / perdo le abitudini / e non le cerco neanche più / scusami il disordine / ma è dove riesco a perdermi / scusami i miei giorni / che mai si abbinano / è così bello perdermi / il mio colore preferito / è la mia casa vuota / e se mi perdo mi ritrovo / sempre lì

 

[Quercia “Sempre Lividi”] 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

WordPress.com.

Su ↑

Gwynto

Aspirante scrittrice, lettrice avida, amante delle parole

#See What I See

"Nessuno è te. questo è il tuo potere" E questa sono io.

Topper Harley

Uno, nessuno e ventitrè

Mela Kiwi Limone

piccole pillole quotidiane

Karashò

Autori Artigiani dal 2016

Day Off Londra

pensieri,parole,opere,omissioni di un cervello in fuga..

m3mango

Se vieni, è il miglior apprezzamento.

Mamma for dummies

...quelle che se arriva sera ed è ancora vivo è già un successo!

Novelle Ignoranti

Giornalismo, politica, musica, arte, letteratura, storia, cinematografia, varie ed eventuali.

Ed Felson

Scusate, richiamo dopo.

UN PESCO IN FORNO

Appunti di controcultura queer & femminista

Travelling With Earphones

Listening to music makes your life better

gatt(A) randagi(A)

(non tutte le streghe sono state bruciate!)

ZID INFORMACIJE

Un ritmo intrecciato e spontaneo di storie e realtà

M for Maverick

Yesterday is history, tomorrow is a mistery.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: